Informazioni Revisione veicoli

Il Codice della Strada prevede che i veicoli a motore e i loro rimorchi debbano essere tenuti in condizioni di massima efficienza (articolo 79).

.

Per questo, devono essere sottoposti a revisione periodica per accertare che siano rispettate le condizioni di sicurezza, il mantenimento del rumore e delle emissioni inquinanti entro i limiti previsti dalla legge (articolo 80).

Tariffa revisione, revisioni auto e moto, revisioni firenze

Quando fare la revisione

Il termine per la prima revisione è dato dall'anno di prima immatricolazione e dal mese di rilascio della carta di circolazione.
Il termine per le revisioni successive è dato dal mese della precedente revisione.
La revisione va effettuata entro 4 anni dalla prima immatricolazione e successivamente ogni 2 anni per:
- autovetture e autocaravan;
- motoveicoli e ciclomotori;
- autoveicoli adibiti al trasporto di cose o ad uso speciale;
- rimorchi di massa complessiva non superiore a 3,5 tonnellate;
- autoveicoli per trasporto promiscuo.

La revisione va effettuata ogni anno per:
- veicoli destinati al trasporto di persone con numero di posti superiore a nove, compreso quello del conducente;
- taxi e veicoli adibiti a noleggio con conducente;
- autoambulanze;
- autoveicoli destinati al trasporto di cose e rimorchi di massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate;
- veicoli atipici (es. auto elettriche leggere).

L'esito della revisione

Al termine delle procedure di revisione, viene rilasciata un'etichetta adesiva sulla quale viene riportato l'esito della revisione stessa.
L'etichetta viene applicata sul retro della carta di circolazione e può riportare una delle seguenti diciture:
- Revisione Regolare: il veicolo ha superato regolarmente la revisione;
- Revisione Ripetere: il veicolo non ha superato la revisione e deve ripresentarsi al controllo entro un mese (in questo periodo il veicolo può circolare solo dopo aver riparato le anomalie riscontrate e possedere apposita ricevuta fiscale che attesti le riparazione effettuate dall'officina incaricata);
- Revisione ripetere – sospeso dalla circolazione: il veicolo non ha superato la revisione, sarà, quindi, necessario presentare il veicolo a nuova visita e prova di revisione, dopo aver ripristinato le anomalie che hanno determinato l'esito negativo, effettuato una nuova richiesta di revisione e pagato nuovamente la tariffa imposta dal ministero dei trasporti (in questo caso il veicolo potrà circolare solo il giorno e in orario prefissato per recarsi al centro revisioni, munito di apposito documento di prenotazione).

Cosa viene controllato

La durata dei controlli è di circa 25 minuti, durante i quali vengono controllati:
- l'identificazione del veicolo attraverso targa e numero di telaio;
- i dispositivi di frenatura e il relativo impianto frenante;
- il campo di visibilità (parabrezza, specchietti, funzionamento spazzole lava vetro, ecc.);
- l'impianto elettrico (luci, proiettori, indicatori, relative spie nel cruscotto, ecc.);
- i pneumatici (questi come previsto da libretto di circolazione) e le sospensioni;
- gli effetti nocivi (gas di scarico, rumore, perdite di olio, ecc.).

Rischi e sanzioni

Nel caso in cui si circoli con la revisione scaduta e si venga fermati, è prevista una multa da 155 a 624 euro, che raddoppia nel caso cui si sia recidivi.


Se si viene fermati in autostrada, oltre alla multa, viene applicato il fermo amministrativo del mezzo.


In tutti i casi, viene comunque apposta da parte delle forze dell'ordine un'etichetta adesiva con scritto "veicolo sospeso dalla circolazione".


Inoltre, il veicolo non revisionato non è coperto da polizza assicurativa: in caso di incidente con danni a terzi, la compagnia assicuratrice si potrà rivalere sull'assicurato che dovrà pagare personalmente il risarcimento.

Share by: